22 ottobre 2007

Circumflegrea e linea 2 di Napoli: SEPSA



A seguito di un primo reclamo e della (inattesa) risposta da parte di SEPSA, pubblichiamo la risposta di Alberto all'azienda e un'altra email in cui si evince che dopo mesi di distanza dalle prime segnalazioni nulla è cambiato.


--------------


Spett.le SEPSA,

ringrazio vivamente l'ing. Murolo per l'inaspettata risposta.

Preciso tuttavia, a beneficio di chi non conosce le realtà della Circumflegrea, almeno tre cose:

  1. I lavori di ammodernamento della linea e di realizzazione del doppio binario sono previsti a partire dal lontano 1975 (vedi Wikipedia alla voce Circumlegrea, lo stesso sito SEPSA e la legge 493/75); che attualmente siano ancora in corso non dà visibilità sul termine di realizzazione e di messa in esercizio, anzi dà l'idea di un tempo indefinito;
  2. La fornitura di nuovi elettrotreni è prevista da diversi anni; l'ultima fornitura risale al 1990; anche in questo caso non si ha visibilità sul futuro.
  3. Le condizioni di viaggio sono assolutamente prive di confort, la stessa parola suona completamente fuori luogo, provare per credere.

Stante quanto sopra, gli utenti di tale linea sono assolutamente rassegnati; da ciò l'estensione in conoscenza della segnalazione anche agli organi istituzionali.

Distinti saluti

Alberto Amante

--------------

La seguente email è stata inviata agli organi istituzionali:

--------------


Buongiorno,

vorrei esporre solo le ultime due esperienze di uso del “sistema metropolitano su ferro” di Napoli:

Sabato 13 ottobre 2007 dalle ore 12:05 in Stazione Circumflegrea di Montesanto, il primo treno parte alle 12:45:

* 40 minuti di attesa

Lunedì 15 ottobre 2007 dalle ore 8:40 in Stazione Montesanto della Linea 2, il primo treno passa alle 9:20:

* 40 minuti di attesa

Ho scritto molte altre volte e mi sono state date anche risposte rassicuranti, ma nulla è cambiato.

Non ho più parole, anzi una sola:

VERGOGNA

Alberto Amante

6 commenti:

Davide Denicolo ha detto...

E' una vergogna la Circumflegrea! Io la prendo tutte le mattine per andare a lavoro, pago un abbonamento di 70 euro per raggiungere un comune di Salerno con la paura di perdere il treno FFSS e arrivare tardi. Siamo ancora agli anni '50 quando il capotreno grida "Tutti dentro";avevo 8 anni quando parlavano di sistemare il "doppio binario"...oggi ne ho 23 figuriamoci un pò. I lavori a Montesanto sono stati finanziati dalla Comunità Europea altrimenti col cavolo che avremmo visto la stazione nuova; ma invece di pensare alla stazione, pensate ad aumentare quei cavoli di binari che limitano le partenze ogni 20 minuti e se succede qualche intoppo sulla linea, bisogna aspettare altri 20 minuti in attesa che i binari siano liberi -_- Vergogna davvero e vergogna ancora di più di noi viaggiatori che sottostiamo ai loro comodi , visto che NOI PAGHIAMO e DOBBIAMO PRETENDERE un servizio. se organizzerai un'occupazione ( cosa che ho sempre pensato ) io sarò il primo a non andare a lavoro per farlo ;)

Pendolare ha detto...

Ormai noi pendolari siamo rassegnati all'atavica situazione disastrosa della Circumflegrea e alla malsana aria che si respira nelle stazioni sottolivello della Metro, in attesa del puntuale ritardo dei treni della Linea 2.

Ma per tornare alla linea della Circumflegrea-SEPSA:

- i trentennali lavori del raddoppio dei binari
- le nuove stazioni mai completamente aperte e ormai fatiscenti
- l'orario dei treni diventato ormai una barzelletta (non si capisce se il treno che arriva è quello in ritardo di una o due corse o quello in anticipo della corsa successiva)

hanno sfiancato anche il più tenace e battagliero dei pendolari incazzati (Alberto è uno dei pochi che continua a combattere).
Il dato di fatto è che iniziare la giornata lavorativa con alle spalle il "lavoro" svolto nell'utilizzo dei trasporti suddetti getta nella frustrazione e nel pessimismo più nero tutti noi pendolari napoletani e testimonia delle difficoltà che si affrontano quotidianamente in questa città degradata.

A. Bartiromo ha detto...

Ormai siamo al caos più totale! Mercoledì 24/10 dopo la partenza della corsa delle 16:43 è saltata prima la corsa delle 17:03, poi la corsa delle 17:23 e alla fine hanno dovuto approntare un treno doppio che è riuscito a partire quasi alle 18:00, tra proteste, urla, minacce e pericolo per la pubblica incolumità. Inoltre si era oltre ogni immaginabile capienza, ancora a rischio della nostra incolumità! Sono d'accordo è una VERGOGNA, cosa si aspetta a COMMISSARIARE la SEPSA?

ACU - Consuma Giusto! ha detto...

Cari amici,

continuate a scrivere i vostri commenti in questo post.
Raccontate TUTTO nella massima libertà!
Segnaleremo a chi di dovere le vostre storie, e faremo di tutto per non farle passare inosservate!
Ma abbiamo bisogno del vostro aiuto!

RdB SEPSA ha detto...

purtroppo la situazione della sepsa ed in particolare del materiale rotabile è pessima,non si riesce a venire fuori da una situazione di stallo enorme! le vicende del 24/10 u.s. sono state da noi evidenziate sul nostro sito(http://rdbsepsa.netsons.org/index.php?option=com_content&task=view&id=128&Itemid=2) ed adirittura uno dei macchinisti coinvolti era un nostro delegato.se gli utenti possono fare qualcose,rivolgendosi alle istituzioni per quello che può servire,facendo intervenire i media,noi cerchiamo alleati per smuovere un pò le acque,un'ultima cosa:cari utenti della sepsa non ve la prendete con il personale NON HA COLPE!!!
grazie
struttura sindacale RdB/CUB Trasporti SEPSA

Angela C. ha detto...

Io vorrei invece segnalare che in treni così affollati è a rischio anche la salute e l'incolumità! Già basterebbero carrozze più moderne, tipo quelle della linea 1 della metropolitana.
Anche questo è così difficile da ottenere?
Non si capisce chi determina questo stallo: l'incapacità della dirigenza, la mancanza di risorse o che altro? Intanto sono i lavoratori e i passeggeri a pagare. Non si riesce a portare la questione a livello più alto anche in campo sindacale, nessuno è disposto a seguirci?